Bicchieri trasparenti in PLA

Bicchieri trasparenti biodegradabili compostabili monouso in PLA. Anche con coperchio. Adatti alle bevande fredde
Che sia un tè ghiacciato o un caffè shakerato, un estratto di verdure o un succo di frutta poco importa: cosa c’è di meglio di una bevanda fresca per combattere la calura estiva? Certo, spesso passa qualche cliente di fretta che ci chiede la bevanda a portar via o da consegnare a domicilio!

Coperchi, inserti e bicchieri monouso ecosostenibili

Per le vostre necessità domestiche o per il vostro esercizio commerciale cercate una valida alternativa “usa e getta” ai tradizionali bicchieri riutilizzabili? Nel catalogo di Minimo Impatto troverete una vasta gamma di bicchieri trasparenti, biodegradabili, compostabili, monouso, realizzati magari in PLA e forniti del relativo coperchio (ove servisse) o inserto!

 Ideali per contenere liquidi ghiacciati, acqua, succhi e tisane con temperatura non superiore a 40 gradi, dai piccoli esemplari utilizzabili anche per contenere anche noccioline e snack, ai formati più grandi ideali per le birre, passando dalle misure medie, sono disponibili in confezioni Retail o Scorta (perfetti per eventi, feste e sagre).
Naturalmente bella, la gamma dei bicchieri spazia dalle linee classiche a quelle eleganti o di design. Esistono poi quelle con una riga verde che serve a “sottolineare” le caratteristiche di biodegradabilità, compostabilità ed ecologia del prodotto.
Avete bisogno di bicchieri biodegradabili per le vostre bevande calde? Consultate il sito di minimo impatto e troverete ogni risposta alle vostre specifiche esigenze.

Cosa è il PLA?

PLA è una sigla che non indica la plastica,bensì l’acido polilattico, o più correttamente il poli(acido lattico) o polilattato, è il polimero dell'acido lattico! 
È in commercio da anni e sono tanti i prodotti monouso per la ristorazione, specialmente dedicati per cibi freddi, che minimo impatto ed ecostoviglie offrono, a base di questo preziosissimo polimero green. Perché è così amato? Perché consente di sostituire con una bioplastica di facile degradazione (che diventa compost negli impianti secondo la EN13432) alcuni oggetti di plastica. 

Da dove deriva il PLA?

Abbiamo detto che è un polimero, è termoplastico ed è estratto dagli zuccheri naturali. Sì proprio dalla canna da zucchero ad esempio, ma anche dal mais e barbabietola. 

è adatto all’uso alimentare?

Assolutamente sì! Per questo è uno degli elementi favoriti ad esempio per realizzare bicchieri o packaging per cibi e bevande freddi. Pare sia la seconda bioplastica al mondo!

Si degrada se buttato in acqua o nei campi?

Assolutamente no! Nessun rifiuto va mai disperso, neanche uno realizzato con componenti di origine vegetale. Che sia un bicchiere o un imballaggio, il prodotto monouso in PLA va smaltito correttamente nella raccolta dell’organico. Tornerà a nuova vita sotto forma di compost che nutrirà la terra.